Ricerca Medico

Endoscopia

Iaquinto

U.O. di Endoscopia dott. Gaetano Iaquinto

hd-micera-chirurgia_staff

U.O. di Endoscopia dott. Osvaldo Micera

Doctor

U.O. di Endoscopia dott. Francesco Maione

Silvia Camera Epatologa

U.O. di Endoscopia dott.ssa Silvia Camera – Epatologa

 
Giorgio

U.O. di Endoscopia dott. Antonio Giorgio – ecografia interventistica, tumori del fegato Termoablazioni al fegato

 
 
 

Utile sia per la diagnostica che per l’esecuzione di interventi terapeutici, l’endoscopia può essere anche da supporto nel corso di un intervento chirurgico. Tra gli esami eseguibili in tale modalità possiamo ricordare ad esempio la broncoscopia o la colonscopia. L’inserimento dell’endoscopio può avvenire o per via naturale o attraverso la creazione chirurgica di una via d’accesso, come accade, ad esempio, nella toracoscopia o nella laparoscopia. E’ forse persino superfluo evidenziare l’efficacia dell’endoscopia, tecnica che mette la tecnologia al servizio di interventi che possono essere meno invasivi per il paziente o della diagnostica precoce di importanti patologie.

 

L’endoscopia è una metodica diagnostica e terapeutica indispensabile per esplorare l’apparato digerente, analizzando in particolare il tratto digestivo superiore (esofago, stomaco e duodeno) e il tratto inferiore (colon e retto) consentendo di verificare l’eventuale presenza di alterazioni o lesioni, di studiarne la natura con prelievo di mucosa) e di effettuare piccoli interventi quali per esempio l’asportazione di polipi o l’arresto di emorragie.

 

Gli esami più comunemente eseguiti con questa tecnica sono quindi:

  •  la gastroscopia (per vedere esofago, stomaco e duodeno);
  •  la colonscopia (per vedere il colon).

 

Di recente la Casa di Cura Santa Rita si è dotata di un nuovissimo tipo di endoscopio a tre telecamere in grado di fornire una visione a 330° del colon con immagini eccezionalmente chiare. Grazie al FUSE, è questo il nome della macchina, è possibile ottenere risultati molto più chiari e rimuovere, se necessario, un numero maggiore di formazioni anche di dimensioni estremamente ridotte.

 

Tecnologia ed Innovazione al servizio dei nostri pazienti:
Il suo scopo è la visualizzazione di quel tratto di piccolo intestino (alcuni metri) che non è esplorabile né con l’esofagogastroduodenoscopia, né con la colonscopia
Grazie all'endoscopio Fuse™, visite più accurate ed approfondite, grazie ad un campo visivo panoramico di 330°

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi